0 Menu

Metro Crowd: S/T LP

13.50

«Immagino una folla dissolta, una specie di blob che invade scale mobili, vagoni, banchine». Così si esprimevano i Metro Crowd all’altezza della prima manifestazione fisica di questo quartetto all-star di Roma Est. Quella frase identifica perfettamente l’impianto ideologico dietro il progetto, nato e cresciuto in quei magnifici non-luoghi della modernità che sono le (maleodoranti) metropolitane, in particolare quella romana, città in cui i quattro vivono ma con cui hanno «un rapporto da separati in casa, una infastidita reciproca tolleranza fatta di alti e bassi».

Giacomo Stefanini